Osteria Grande, 27 maggio 2017

E’ stata una intensa 2 giorni quella che ho condiviso con alcuni amici nel trascorso fine settimana : tutto era iniziato giovedì 18 mattina quando ci siamo trovati a San Giovanni in Persiceto per dare luogo alle operazioni di carico della cucina industriale che un imprenditore locale aveva deciso di donare. Questa cucina che era adibita a mensa aziendale capace di sfornare 150 pasti al giorno giaceva inutilizzata in un capannone da quasi 2 anni: due mesi prima eravamo venuti a conoscenza, in modo del tutto casuale, della sua esistenza e della disponibilità da parte del proprietario di cederla per il valore simbolico di 1 Euro ad una organizzazione che ne avesse avuto bisogno. A quel punto avevamo chiesto alla Caritas della Diocesi di Spoleto-Norcia se ci fosse stata qualche struttura che, a seguito del terremoto, fosse alla ricerca di un tale bene. Avendo avuto un riscontro positivo al riguardo, ci eravamo attivati in una serie di operazioni preliminari che ci aveva portato a San Giovanni in Persiceto in diverse occasioni per lo smontaggio dei diversi blocchi, per la relativa pulizia ( ne approfitto per ringraziare le donne che si sono prestate a darci un valido aiuto a tale scopo ), per l’imballaggio finale dei diversi componenti.
Giovedì 18 si è quindi dato corso all’operazione di carico della cucina i cui vari blocchi sono stati stipati nel camion e rimorchio della ditta che, dotata di relativa e potente gru, ha provveduto a trasferirli dal primo piano del capannone al pianale dell’automezzo 

Il giorno successivo, di prima mattina ( partenza da Osteria Grande alle ore 5 ), si è proceduto al trasporto a Roccaporena di Cascia. La frazione di Cascia nella quale è nata Santa Rita è famosa per lo Scoglio della Preghiera, una collina sulla cui sommità si recava la Santa a pregare è che è tuttora una meta molto frequentata dai pellegrini devoti della santa monaca agostiniana Patrona dei casi impossibili.
Sotto tale collina, all’interno di una scuola di proprietà della Diocesi, sono stati messi a dimora i vari componenti in attesa di una sua sistemazione definitiva che avverrà quando a Norcia sarà pronta la struttura adiacente alla chiesa di Madonna delle Grazie. La cucina svolgerà la funzione di mensa per tutti i giovani
( compresi quelli della nostra parrocchia ) che converranno nella città nursina per partecipare ai campi itineranti Norcia-Assisi e ai vari esercizi spirituali che periodicamente si tengono nella città natale di San Benedetto.

Grazie anche all’aiuto che è stato fornito da alcuni operai locali messi a disposizione dall’Economato del Santuario di Santa Rita l’operazione di scarico si è esaurita in poco meno di due ore : questo ci ha permesso di trasferirci a Norcia dove nel primo pomeriggio abbiamo preso visione dello stato di avanzamento dei lavori del Centro di Comunità.

Ero stato qui l’ultima volta 2 mesi fa, evidenti i progressi della realizzazione di questa struttura polifunzionale destinata ad essere luogo di incontro e ritrovo degli abitanti di Norcia: siamo in pratica agli ultimi ritocchi, rimangono pochi dettagli riguardanti l’impianto elettrico del condizionamento e la pulizia finale del locale e poi si darà corso all’inaugurazione ( data ancora da definirsi causa il ritardo nel collaudo della struttura da parte del Genio Civile ).
Ho raccolto alcune foto e video in un breve filmato che sintetizza questi due intensi giornate e che trovate qui allegato. Un ringraziamento speciale da parte mia a tutti coloro ( e sono tanti ) che, grazie al loro lavoro, disponibilità e generosità, hanno reso possibile il trasferimento di questa cucina in Valnerina che sicuramente troverà un intenso utilizzo.

( Maurizio Ferrari )