Video

Un solo piano fuori terra, rettangolare, per una superficie complessiva di 266 mq ed un volume di 1.105 mc. Un salone di 170 mq, tre stanze per attività, depositi e servizi. Costo: poco più di 400.000 euro. Tutto antisismico. Sono le principali caratteristiche del Centro di Comunità inaugurato la sera di venerdì 16 giugno 2017 a Norcia, presso il complesso della Madonna delle Grazie (la chiesa è crollata e il vecchio convento dei Cappuccini è da abbattere), progettato e realizzato da Caritas Italiana, col sostegno della delegazione Caritas Nord-Est. La Caritas nelle zone colpite dai terremoti interviene con la costruzione di questi centri polifunzionali, di pubblica utilità nelle emergenze, pensati come luoghi per la liturgia e le attività pastorali, sociali, culturali e ricreative.Questo di Norcia è il primo realizzato in Valnerina dopo i terremoti di dieci e otto mesi fa che hanno distrutto case, chiese, edifici pubblici, ma soprattutto la speranza delle persone che in questo territorio per la terza volta in trentotto anni devono ricostruire l’abitazione e il tessuto sociale delle comunità. I locali sono stati benedetti dal card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Conferenza episcopale italiana, alla presenza di mons. Renato Boccardo arcivescovo di Spoleto-Norcia, mons. Francesco Antonio Soddu direttore di Caritas italiana, don Marco Rufini parroco di Norcia, don Marino Callegari delegato Caritas Nord-Est, Giorgio Pallucco direttore Caritas Spoleto-Norcia, Catiuscia Marini presidente della regione Umbria, Nicola Alemanno sindaco di Norcia, oltre naturalmente a molti fedeli nursini. In Valnerina, oltre a quello di Norcia, sorgeranno altri quattro Centri di Comunità, là dove il sisma ha fatto crollare o lesionato seriamente chiese parrocchiali e canoniche: a Cascia (i lavori sono già in fase avanzata) col sostegno di Caritas Italiana e della delegazione Caritas Campania; ad Avendita di Cascia col sostegno di Caritas Italiana e della delegazione Caritas Sardegna; a Campi-Ancarano di Norcia grazie alle Caritas diocesane di Como e Mantova; a Cerreto di Spoleto con l’aiuto di Caritas Austria.La serata si è conclusa con un momento di fraternità in cui il Cardinale ha dialogato con i presenti, in particolare con un gruppo di adolescenti di Norcia. Prima di ritornare a Perugia il Presidente della Conferenza episcopale italiana ha benedetto due nuove macchine della Polizia Locale e un’autovettura dei Carabinieri.  

Foto ricordo con il Cardinale Gualtiero Bassetti, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, e Monsignor Renato Boccardo, Arcivescovo della Diocesi di Spoleto – Norcia