Sentieri di pace Onlus

Non c’è una strada per la Pace. La PACE è la strada che possiamo tracciare solo percorrendola (Gandhi)

Quest’anno la gita dell’Associazione avrà per meta la sponda veronese del Lago di Garda. 
Il programma prevede inizialmente per sabato 13 maggio la visita al Santuario della Madonna della Corona : chi vuole raggiungere la meta a piedi partirà dal paese di Brentino Belluno e con un breve ma impegnativo percorso ( lunghezza 2.500 metri, dislivello 650 metri, circa 1.300 gradini naturali da salire ) raggiungerà il Santuario situato ad una altezza di 770 metri, l’alternativa per chi non cammina è raggiungere Spiazzi in pullman e con una navetta arrivare comodamente al Santuario.

Nel primo pomeriggio la comitiva si trasferirà a Bardolino, famosa località del lago di Garda  che vanta  una bellissima passeggiata sul lungolago

infine il trasferimento a Castelletto di Brenzone dove la comitiva alloggerà presso la Garda Family House: la struttura è posta sul lungolago, alle pendici del Monte Baldo e immersa in un bellissimo parco.
Domenica 14 maggio alla mattina, dopo la colazione, la comitiva si trasferirà in pullman a Malcesine per la visita guidata al Castello scaligero.

In alternativa sarà possibile, con un sovrapprezzo di 15 €, salire con la funivia al Monte Baldo

da dove si può ammirare uno stupendo panorama del lago. Successivo rientro in albergo per il pranzo, infine, sulla strada del ritorno, sosta a Mantova per una visita guidata a Palazzo Te.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE

( con versamento della caparra di 50 € all’iscrizione )

Adulti  140 €              Ragazzi 11 – 15 anni 50 €             Bambini 1 – 10 anni   gratis

La quota di partecipazione comprende i trasferimenti in pullman, cena e pernottamento del sabato, colazione e pranzo della domenica, visite guidate al Castello Scaligero di Malcesine, a Palazzo TE di Mantova

Prenotazioni fino ad esaurimento dei posti disponibili presso                 

Eleonora Ardizzi   339 8852381                             

Francesca Strazzari   051 945359

Daniela Baldazzi   335 6770750

 

Come da consuetudine la cena sociale di Sentieri di Pace si terrà in Oratorio con inizio alle 20,00 nella serata di sabato 1 Aprile.
La cena è aperta a tutti ( soci e non soci ) e come negli anni precedenti viene lasciata al”estro e alle capacità culinarie dei partecipanti la conclusione della serata a base di dolci: chi potrà porterà quindi un dolce ( fatto in casa, ci permettiamo di insistere su quest’ultimo punto ) e lo metterà a disposizione dei presenti.
Nel corso della serata è prevista per i soci l’approvazione del bilancio relativo all’anno sociale 2016/2017 terminato a fine febbraio: in considerazione dell’importanza di questo punto contiamo sulla partecipazione dei soci chiamati ad approvare un bilancio che nelle sue cifre è espressione della generosità di coloro che credono nei progetti della nostra Associazione, cifre che di anno in anno testimoniano un significativo incremento di tale fiducia nel nostro operare.

Allego la comunicazione della convocazione dell’Assemblea dei soci chiedendovi di partecipare e di renderne partecipi i vostri amici: vi aspettiamo numerosi!!

Convocazione Assemblea 01.04.2017

 

 

Come da programma si è iniziato con l’iniziativa del bar in piazza e la vendita delle raviole che erano state ricevute da tante fonti ( le signore della tombolina domenicale, i ragazzi delle scuole medie, commercianti generosi,… ) e che hanno riscosso un grande successo

Monsignor Boccardo, Arcivescovo di Spoleto-Norcia è arrivato con anticipo e quindi, prima della Santa Messa da lui celebrata nella nostra chiesa di San Giorgio, ha visitato in oratorio i ragazzi impegnati nel catechismo

Alla Messa è poi seguito il pranzo al bocciodromo  basato su un menù di cacciagione e che ha registrato una presenza record di commensali ( 362 persone ) 

Dopo la lotteria la festa si è trasferita all’Oratorio dove i nostri amici del MASCI hanno iniziato la produzione delle loro famose crescentine 

mentre una schiera di “affettatori” provvedeva a rifornire il banco di vendita del companatico con cui venivano riempite le crescentine 

 

In definitiva un’altra bellissima giornata che ha replicato il successo della precedente manifestazione dell’11 dicembre e dove, come già avvenuto, ha vinto la solidarietà a favore delle popolazioni terremotate dell’Italia centrale.

 

Martedì 14 marzo eravamo a Norcia per incontrare Francesca e Rinaldo, i 2 volontari della Caritas Umbria che prestano servizio nella struttura gestita da Don Marco Rufini, parroco della cittadina nursina. In questa occasione abbiamo avuto l’opportunità di fare conoscenza con Giorgio Pallucco, Direttore della Caritas per la Diocesi di Spoleto – Norcia e delegato regionale della Caritas umbra.

                                             Norcia – Cittadella della Carità Papa Francesco

La ” Cittadella della Carità ” è situata alla periferia di Norcia in località S.Maria delle Grazie, accanto alla omonima chiesa

                                     Chiesa di S. Maria delle Grazie

che purtroppo è stata pressoché completamente distrutta dal recente terremoto ed è stata intitolata a Papa Francesco. Accanto ad alcuni container che ospitano Don Marco, Rinaldo e Francesca, sono stati montati due grossi tendoni: il primo è momentaneamente riservato agli incontri della comunità mentre il secondo funge da emporio della solidarietà, luogo dove le persone possono ritirare generi di prima necessità.

                                     Centro di Comunità

Da inizio febbraio sono iniziati i lavori del nuovo Centro di Comunità e a distanza di 6 settimane sono ben visibili i progressi nello stato di avanzamento dei lavori: la consegna della struttura è prevista nel termine di 120 giorni solari e quindi per inizio giugno ma, se si continuerà col ritmo attuale, non è escluso che si possa anticiparne l’inaugurazione nel corso del mese di maggio.

                                     Centro di Comunità – particolare della struttura

Questa nuova struttura è realizzata con criteri di costruzione antisismici di ultima generazione e, come si può notare, si è già proceduto alla posa del tetto : confidiamo di essere presenti alla cerimonia di inaugurazione di questo Centro  destinato ad essere punto di incontro e di riferimento della comunità nursina. 

Domenica 19 Marzo sarà una giornata veramente speciale per l’intera comunità di Osteria Grande: la manifestazione a favore delle popolazioni terremotate della Valnerina sarà caratterizzata dalla presenza di un ospite molto importante.
Sarà infatti in mezzo a noi Monsignor Renato Boccardo, Arcivescovo della diocesi di Spoleto Norcia.
Alle ore 11,15 Monsignor Boccardo presiederà nella chiesa di San Giorgio di Varignana la Santa Messa per ringraziare i fedeli dell’Unità pastorale delle nostre 5 chiese per il sostegno dato alle zone terremotate.
Siamo noi a ringraziare l’Arcivescovo per questo gesto di grande sensibilità e disponibilità, sicuramente saremo in tanti ad accoglierlo fra noi come il più gradito fra gli ospiti.  

 

     ( dall’agenda dell’Arcivescovo sul sito dell’Archidiocesi di Spoleto Norcia )

La nuova iniziativa a favore delle popolazioni terremotate del Centro Italia si terrà Domenica 19 Marzo con una serie di manifestazioni che per la prima volta vedranno il coinvolgimento dell’intera comunità della nostra frazione.
Sarà infatti una iniziativa congiunta che in mattinata vedrà in parrocchia la produzione e successiva vendita di raviole, dolce tradizionale bolognese della festa di San Giuseppe.

Successivamente al Bocciodromo si terrà un pranzo a base di cacciagione a cui seguirà una ricca lotteria. Il ricavato del pranzo e della lotteria verranno devoluti a 3 aziende agricole rispettivamente dell’Umbria, del Lazio e delle Marche.
La giornata si concluderà nel tardo pomeriggio in Oratorio con gli Scouts del M.A.S.C.I. che si cimenteranno nella produzione di gustose crescentine ripiene di prelibata norcineria: il ricavato della vendita di raviole e crescentine andrà a incrementare la cifra che verrà utilizzata per l’arredamento dell’erigendo Centro di Comunità di Norcia e che a Giugno contiamo di andare ad inaugurare assieme alla popolazione nursina che da quel giorno potrà contare su un edificio polifunzionale nel quale ritrovarsi nuovamente come comunità.
Per la seconda volta quindi questa iniziativa a favore delle popolazioni terremotate dell’Italia Centrale chiama il grande cuore della gente di Osteria Grande ad esprimere il meglio della solidarietà. Non fateci mancare il vostro contributo, vi aspettiamo!

Come evidenziato nella parte finale dell’articolo apparso sulla edizione di Imola del Resto del Carlino di sabato 21 Gennaio e qui allegato, stiamo andando a dar luogo ad una seconda manifestazione con lo scopo di contribuire in maniera significativa all’arredamento del Centro di Comunità di Norcia.

E’ già stata fissata la data di questa nuova iniziativa : per la festa di San Giuseppe, domenica 19 Marzo e giorno nel quale per tradizione si mangiano le raviole.
I ragazzi del catechismo e i cittadini volenterosi si cimenteranno in una gara che premierà, grazie ad una giuria di esperti convocata per l’occasione, la migliore raviola prodotta. Il programma della giornata prevede poi, oltre alla vendita delle raviole, un pranzo a base di cacciagione che avrà luogo al bocciodromo e il cui ricavato verrà devoluto al sostegno degli allevamenti delle aziende agricole di Umbria, Marche e Lazio. 
La conclusione della giornata avverrà in Oratorio con le crescentine preparate dagli Scouts del M.A.S.C.I.: come dice il Resto del Carlino, segnatevi la data, vi aspettiamo numerosi!
Come ribadito vorremmo dare un contributo significativo all’erigendo Centro di Comunità di Norcia: i relativi lavori sono iniziati da  2 settimane, si conta di portarli a termine entro il termine di 120 giorni solari e quindi di inaugurare questo centro polifunzionale nel mese di Giugno.
Contiamo per quell’occasione di essere presenti in tanti a Norcia al fine di partecipare alla inaugurazione di questa struttura che sarà il centro di aggregazione della comunità nursina.


Questo edificio sorgerà nella zona della chiesa di Santa Maria delle Grazie e  avrà una superficie di circa 260 metri quadrati: i disegni allegati ne riportano le caratteristiche e le dimensioni.


A breve verranno diffusi il manifesto e i relativi volantini della nuova manifestazione del 19 Marzo alla quale sarà chiamata a partecipare l’intera comunità di Osteria Grande. Vi aspettiamo, non facciamo mancare la nostra solidarietà agli abitanti della Valnerina!!

 

A distanza di un mese dalla manifestazione che abbiamo tenuto a favore delle popolazioni terremotate della Valnerina, una delegazione di sei persone della nostra parrocchia si è recata in Umbria in data martedì 10 u.s. per incontrare Mons. Renato Boccardo, Arcivescovo di Spoleto – Norcia.
Nel corso del breve incontro che il Vescovo ci ha dedicato abbiamo udito parole di speranza nella ricostruzione, di fiducia nell’avvenire, di quella solidarietà manifestata da tante parti del nostro paese e di cui anche la nostra comunità vuole essere espressione tangibile.

Terminato l’incontro con un momento di preghiera ci siamo recati a Norcia, dove, nell’area prospicente la chiesa della Madonna delle Grazie crollata a seguito del terremoto del 30 Ottobre, sono state montate 2 tensostrutture utilizzate come centro di distribuzione dei generi di prima necessità e come centro pastorale oltre a 4 container che già ospitano Rinaldo e Francesca, una coppia di sposi che opera a nome della Caritas Umbria. In questo luogo verrà realizzato il Centro di Comunità di Norcia che sarà al contempo centro pastorale e centro di aggregazione ( spazi per ritrovarsi per una festa, per una cena insieme, per uno spettacolo teatrale ,… ) e dove si è trasferito a vivere in camper anche il parroco Don Marco Rufini.

Con Don Marco, Rinaldo e Francesca abbiamo condiviso il pranzo e da loro abbiamo avuto conferma della determinazione, dell’impegno col quale si intende avviare una ricostruzione che sarà forzatamente lenta ma che non mancherà di dare a lungo termine i suoi frutti. Da parte nostra abbiamo ribadito la volontà dell’intera nostra comunità di contribuire all’arredamento di questa struttura che a breve verrà installata e per la quale ci impegniamo fin da ora a dare luogo ad una nuova iniziativa che stiamo preparando e che avrà luogo il prossimo 19 Marzo, festa di San Giuseppe: anche noi, come gli abitanti dei monti della Valnerina, intendiamo continuare questo cammino, come i due discepoli di Emmaus, per portare l’annuncio che la vita è più forte della morte.

….. ma anche in BRASILE.
Da Anapolis abbiamo ricevuto questa foto che ritrae un presepe vivente, quello della Casa famiglia Chiappini. Anche il Gesù bambino contornato da Giuseppe ( Mauro ) e Maria ( Augustinha ) è vivo e vegeto e si chiama Gabriel, ultimo arrivato nella Casa famiglia assieme alla mamma Debora di 15 anni. Gabriel ha soltanto un mese e mezzo di vita e unitamente a Debora è stato recentemente affidato dal tribunale dei minori di Anapolis a Mauro e Augustinha.

A tutti i componenti della Casa famiglia che con i due nuovi arrivati consta di 14 componenti i nostri più vivi Auguri di un Santo Natale.

 

 

 

 

……. e anche in URUGUAY.

Da Katarì, presidente di Corazon Solidario, Mision Padre Dehon, abbiamo ricevuto il seguente messaggio:

Estimado Maurizio y amigos,
 Antes que nada quería agradecer no solo el apoyo económico que recibimos este año, sino el apoyo que vuestra asociación hace  unos años está brindando a nuestra asociación CorazónSolidario Misión Padre Dehon. La verdad que este año ha sido muy intenso, consolidando el CAIF con la atención de más de 84 familias de niños de ( 0 a 3 años) e inciando el año con el convenio del proyecto tan deseado de adolescentes… pudiendo ampliar al proyecto piloto que teníamos ( y para lo cual, vuestro aporte de años anteriores lo hizo posible…) y poder atender a una población de 50 chiquilines.
No ha sido fácil, pero el esfuerzo de los que estamos trabajando diariamente en la asociación, ocupando distintos roles, en el acierto o en el error…, pero con un mismo espíritu que nos une y con amigos como ustedes que apoyan nuestras iniciativas, nos da fuerzas para seguir..
Tenemos mucho por hacer…., sobre todo, asegurarnos y trabajar juntos para que cada uno de los proyectos llegue cada día más en las poblaciones más vulnerables….
 Les deseamos muy FELIZ NAVIDAD Y UN MUY BUEN AÑO 2017 !! para ustedes y vuestras familias.
Resultado de imagen para jesus navidad 2016
un abrazo
por Asociación Corazón Solidario Misión Padre Dehon
Katari
Questa la traduzione del messaggio:
Carissimi Maurizio e amici,
Innanzitutto vi ringrazio non solo per l’appoggio economico che abbiamo ricevuto quest’anno, ma anche per il sostegno che la vostra associazione sta offrendo da alcuni anni alla nostra associazione Corazón Solidario Misión Padre Dehon. La verità è che quest’anno è stato molto intenso; è stato consolidato il CAIF con la cura di più di 84 famiglie di bambini da 0 a 3 anni; l’anno è iniziato con l’accordo sul progetto adolescenti tanto desiderato, permettendoci di ampliare il progetto pilota che avevamo e che il vostro sostegno negli scorsi anni ha reso possibile, e potendo così prendersi cura di circa 50 ragazzini.
Non è stato facile, ma lo sforzo di coloro che quotidianamente lavorano nell’associazione, occupando distinte funzioni, talvolta facendo bene e talvolta sbagliando, ma con lo stesso spirito che ci unisce, e la vicinanza di amici come voi che appoggiano le nostre iniziative, ci dà la forza di proseguire.
Rimane ancora molto da fare, soprattutto lavorare insieme per assicurarci che ciascun progetto raggiunga ogni giorno di più la parte di popolazione più vulnerabile.
Vi auguriamo un Natale molto felice e buon Anno 2017, a voi e alle vostre famiglie.
Un abbraccio
per l’Associazione Corazon Solidario Missione Padre Dehon
Katarì
……. infine la BOSNIA con gli auguri di Mons. Pero Sudar, Vescovo Ausiliare di Sarajevo

Carissimo Maurizio,
a Te, alla Tua Famiglia e a tutti i membri dell’Associazione auguro un Santo Natale e la benedizione divina per tutti i giorni dell’Anno Nuovo!
Con sentimenti di gratitudine e di amicizia saluto Te e tutti, Pero

La grandezza della festa del Natale non sta, tanto, nell’articolo della fede cristiana che Dio si è fatto uomo, ma nell’immaginabile verità
che l’uomo caduto è stato soccorso ad alzarsi alla sua dignità.
Con questa verità Vi auguro un santo Natale e un sereno e fruttuoso Anno Nuovo!           Pero Sudar

 

 

 

 

………. ma non dimentichiamoci della BULGARIA. con gli auguri di Don Petko Valov, dell’Esarcato Apostolico di Sofia

Carissimi Maurizio,Agostino e Giorgio,
Buon Natale ed un nuovo ed interessante anno 2017 !

Il quadro e’di Ghirlandaio che ho visto in ottobre  nel museo civico di Udine