Sentieri di pace Onlus

Non c’è una strada per la Pace. La PACE è la strada che possiamo tracciare solo percorrendola (Gandhi)

Seconda edizione di “Lom a Merz”

Ti invitiamo a riscoprire questa antica tradizione che riproponiamo per il secondo anno: accenderemo un grande falò attorno al quale ci ritroveremo per trascorrere una serata in allegria degustando una cena “rustica” a base di pancetta, salsiccia, pollo alla brace accompagnata dai nostri vini tipici.

Ti invitiamo a questa nostra iniziativa che terremo DOMENICA 28 FEBBRAIO ALLE 18,30 SUL PIAZZALE DELL’ORATORIO

L’agricoltura, come molte altre attività “all’aperto” era, ed è tutt’ora, soggetta alle avversità metereologiche. Così la tradizione contadina del passato voleva che per scongiurare la malasorte venissero fatti dei riti propiziatori, come i fuochi magici: i “Lòm a Merz” (i lumi di marzo). L’accensione di falò propiziatori intendeva celebrare l’arrivo della primavera e invocare un’annata favorevole per il raccolto nei campi, ricacciando il freddo e il rigore dell’inverno. Il suo significato era quello di incoraggiare e salutare l’arrivo della bella stagione, bruciando i rami secchi e i resti delle potature. Per questa occasione, ci si radunava nelle aie, si intonavano canti e si danzava intorno ai fuochi, mangiando, bevendo e soprattutto divertendosi.

 

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE
BENEDETTO XVI
PER LA CELEBRAZIONE DELLA
XLIV GIORNATA MONDIALE DELLA PACE

1° GENNAIO 2011

LIBERTÀ RELIGIOSA, VIA PER LA PACE

1. All’inizio di un Nuovo Anno il mio augurio vuole giungere a tutti e a ciascuno; è un augurio di serenità e di prosperità, ma è soprattutto un augurio di pace. Anche l’anno che chiude le porte è stato segnato, purtroppo, dalla persecuzione, dalla discriminazione, da terribili atti di violenza e di intolleranza religiosa.

per il testo completo vai alla sezione Messaggi per la Pace

Signore Gesù,
che ti contempliamo nella povertà di Betlemme,
rendici testimoni del tuo amore.
Fa che la luce di questa notte
più splendente del giorno
si proietti sul futuro
ed orienti i passi dell’umanità
sulla via della Pace
                            ( Giovanni Paolo II )

BUON NATALE

Per gli Auguri di un Felice Natale ti invitiamo a connetterti al seguente link

http://ak.imgag.com/imgag/product/preview/flash/bws8Shell_fps24.swf?ihost=http://ak.imgag.com/imgag&brandldrPath=/product/full/el/&cardNum=/product/full/ap/3166187/graphic1

Merry Christmas!!!!

Sabato 20 Novembre a Osteria Grande (presso l’oratorio)  ci siamo ritrovati provenienti da varie parti ( Castel San Pietro,Senigallia, Pieve di Cento, Bologna ) a salutare Mons Pero Sudar al quale ci legano stretti vincoli di amicizia e solidarietà.

Durante la serata il giornalista caporedattore di Famiglia cristiana ha intevistato mons Sudar a 15 anni dalla fine della guerra in Bosnia: partendo infatti dalla sua esperienza di inviato di guerra nei Balcani ( 1992 – ’95 ), Alberto Bobbio ha mostrato le strazianti immagini di scene di guerra e delle stragi che sono avvenute all’interno della città di Sarajevo assediata dalle truppe serbe per un periodo di 1300 giorni.

 SABATO 20 NOVEMBRE alle 20,30 presso il nostro Oratorio.

 ALBERTO BOBBIO, Caporedattore e inviato di guerra di FAMIGLIA  CRISTIANA durante la guerra nei Balcani  (1992 – ’95) intervisterà Mons. PERO SUDAR, Vescovo Ausiliare di Sarajevo, sui temi riguardanti la situazione della Chiesa cattolica in Bosnia a 15 anni dalla fine della guerra nella ex Jugoslavia. prosegui la lettura…

Erano 112 i partecipanti alla seconda cena sociale dell’anno 2010.

Ospite della serata la signora Ivana Agosto, responsabile della Onlus “Pane condiviso” che ha sede a Passons di Pasian di Prato (Ud) e che ci ha illustrato con grande chiarezza ed estrema semplicità le difficoltà della ricostruzione che ancora sono presenti ad Haiti a distanza di 9 mesi dalla terribile catastrofe del terremoto. prosegui la lettura…

                             

Sabato 30 Ottobre presso l’oratorio Don Bosco alle ore 20,30 avrà luogo la cena sociale.

Sarà nostra ospite Ivana Agosto, responsabile della Associazione Onlus “Pane Condiviso” di Udine, che fin dal 1983 opera ad Haiti e che ci parlerà delle difficoltà che ne caratterizzano la ricostruzione dopo il terremoto di quest’anno. prosegui la lettura…

Osteria Grande, Sabato 20 Novembre ore 20,30
Sono ben noti l’affetto e la stima che proviamo per Monsignor  Pero Sudar, Vescovo Ausiliare di Sarajevo ed artefice delle Scuole per l’Europa, scuole multietniche a cui la chiesa cattolica bosniaca ha dato luogo dopo la feroce guerra nei Balcani del periodo 1992 – ’95. prosegui la lettura…

SABATO 16 OTTOBRE, ore 15,00  –

Ci ritroviamo Sabato 16 Ottobre alle 15 davanti al portone d’ingresso dell’Università di Bologna, in via Zamboni 33, dove Giuliana Raggi e una sua collega ci guideranno a una visita al Museo di Palazzo Poggi.

Resoconto della visita  – è stato un bel pomeriggio che ha visto, in quanto al numero degli aderenti, una partecipazione numericamente inaspettata: in ben 36 persone ci siamo ritrovati in Via Zamboni 33 creando anche un piccolo problema organizzativo a Giuliana Raggi che, molto gentilmente, si è prestata per farci visitare il Museo dell’Università che comprende anche il Museo della Specola.

Quest’ ultima struttura appartiene al dipartimento di Astronomia e ha sede nella torre eretta all’inizio del ‘700 su Palazzo Poggi. Abbiamo avuto l’opportunità di osservare al suo interno vari strumenti astronomici ( astrolabi, orologi solari, cannocchiali, telescopi ) e dall’alto della torretta ( dopo 286 scalini ) abbiamo ammirato uno stupendo panorama di Bologna. La visita è poi continuata nelle diverse sezioni del Museo dell’Università ( galleria delle navi, storia naturale, anatomia, fisica e chimica, architettura militare, stanza della geografia ) e si è conclusa al piano terra nell’aula Carducci, aula nella quale il poeta per ben 43 anni insegnò Letteratura Italiana a partire dal 1860.

Abbiamo trascorso 2 ore molto piacevoli e di ciò rendiamo grazie a Giuliana Raggi e alle sue colleghe per averci dato modo di scoprire tante cose belle della nostra città che spesso sono poco conosciute.